Unique

Il libro d’Artista …in una terra di mezzo tra il diario intimo e il museo, il libro illustrato e
il quaderno di scuola, il mondo esterno e quello interno…

 

i Libri d’Artista di Diana Isa Vallini

Carte fatte a mano, preziose tessiture,
velate trasparenze, piccoli acquerelli
emozionanti percorsi narrativi…

 

«I ricordi, ha scritto W.G. Sebald, sono come un’ombra della realtà» ed è per questo che il piccolo fardello di passato che ci portiamo dentro è tanto fragile. Dobbiamo, dunque, preservarli, prima che i contorni delle cose scompaiano in una penombra smemorante. È questo, per più di un verso, il filo che lega insieme i libri d’artista di Diana Isa Vallini, una sorta di archeologia della memoria, che misteriosamente riesce a conferire a sparsi documenti e oggetti una luce che trascende le forme per farsi pensiero. Diana Isa Vallini si serve di alcuni elementi autobiografici, che vengono accostati in una narrazione che procede per frammenti e allusioni, mescolando luoghi e sensazioni, volti e immagini, in modo tale che il passato torni a riemergere in un susseguirsi di indizi, piste e doppi. Luoghi e persone e oggetti abitano un teatro d’ombre, che rimanda alle fratture del cuore e dei sentimenti, a momenti decisivi dell’esistenza che rimangono segreti. Ogni libro d’artista sottrae all’inerzia della memoria oggetti e immagini per rielaborarli secondo un ordine che sottende coincidenze e allegorie, in un continuo rimando da un’opera all’altra. Attraverso un dizionario dei luoghi e delle persone di storie che appartengono solo all’artista, ciascuno può ritrovare gli indizi dei propri sogni e della propria esistenza, nella percezione di un passato collettivo.”

“I libri di Diana Isa Vallini vivono  nel segno della libertà. Libertà di forma, di pagine e di materiali, una fusione di  fantasia, ricordi e sogni lontani.”

“Ogni libro d’artista sottrae all’inerzia della memoria oggetti e immagini per rielaborarli secondo un ordine che sottende coincidenze e allegorie, in un continuo rimando da un’opera all’altra”

“Eccoli allora, i libri d’artista, che si giocano tra creazione e documento, affidando la loro fragilità a veli e nastri che li tengono chiusi o aperti alla nostra curiosità.”

Sergio Garbato

 


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>